Profondo nero: Dylan Dog firmato Dario Argento

Il maestro dell’horror d’autore italiano Dario Argento ha sceneggiato una storia con protagonista il celebre Dylan Dog, l’indagatore dell’incubo con una vena umoristica.

Il regista di Suspiria e Profondo Rosso si è cimentato per la prima volta nella sceneggiatura di un fumetto destinato a diventare un oggetto da collezione immancabile, un volume cult da non perdere, l’albo numero 383 sarà disponibile in tutte le edicole e librerie dal 28 luglio.

Così il curatore della serie Robeto Recchioni ha presentato la collaborazione, un vero e proprio “matrimonio all’inferno”, mentre Stefano Piani ha collaborato con Argento nella stesura del volume.

“È una storia che unisce alcuni temi del personaggio Dylan Dog, come il suo romanticismo e la sua difesa del diverso e del più debole, al gusto per il morboso e il torbido di Argento, il tutto raccontato come un “Giallo” all’Italiana. Con una punta di splatter.” Così Recchioni spiega la trama della storia che si chiamerà Profondo nero.

Uscirà un albo in edicola con una copertina argentata, allo stesso prezzo dei soliti albi Sergio Bonelli Editore; una versione di pregio, cartonata, raggiungerà le librerie e le fumetterie e gli shop online.

“Non ho mai letto fumetti”, ha dichiarato Argento, “da piccolo leggevo Topolino. Da allora poi, poco altro tra cui proprio Dylan Dog. Ne ho letti alcuni e mi sono piaciuti. L’immaginario che Sclavi ha riversato nella serie e anche l’attenzione che dimostra per i mostri e per i diversi, sono entrambe cose in cui mi riconosco. E poi nelle sue storie c’è sempre ironia, come nei miei film”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fonte: Libreriamo/ repubblica

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Pompei, rinvenuto un giardino segreto incantato

Ecco finalmente tornato alla luce l’ultimo tesoro sepolto di Pompei. Un piccolo, straordinario, giardino incantato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS