Rinvenuto il teatro greco della antica città di Halaesa, in Sicilia

L’annuncio è avvenuto tramite Facebook: un gruppo di archeologi francesi ha creduto per molto tempo di poter trovare il famoso teatro rinvenuto finalmente a Tusa, provincia di Messina che ospitava l’antica città siculo-greca di Alesa Arconidea.

La scoperta è avvenuta dopo un anno di lavoro e attraverso l’utilizzo di strumenti tecnologici all’avanguardia, che hanno aiutato il team di archeologi a rinvenire i resti del teatro.

Sono tornati alla luce una seduta della cavea e un muro che delimitava il piano dell’orchestra: l’archeologo Sebastiano Tusa e assessore regionale ai Beni culturali ha visitato gli scavi e ammette di non avere alcun dubbio che si tratti del ricercato teatro della città.

I lavori però dovranno continuare ancora a lungo, e ciò si spera avverrà con la collaborazione delle università francesi e inglesi, entrambe sotto il patrocinio della Soprintendenza di Messina, del museo delle tradizioni silvo-pastorali di Mistretta, nel Messinese e insieme al Dipartimento di civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina, al Cnr Ibam di Catania e al Comune di Tusa.

Tutti gli sforzi economici e lavorativi sono stati ripagati e l’entusiasmo è tanto. Ciò sottolinea anche l’importanza storica della città “sentinella”, costruita su una collina e circondata da mura. Persino Cicerone nelle sue Verrine parla del valore strategico della città conquistata dai romani, ricca di risorse e prestigio.

Scoperte come queste cambiano la storia di un luogo, lo trasformano e lo rivelano: il lavoro degli archeologi è stato faticoso e lo sarà ancora di più, ma è grazie a loro che la storia torna finalmente in luce.

Fonte: Corriere.it

 

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Arte: i principali eventi culturali del 2019

Per la cultura il grande protagonista del 2019 sarà Leonardo da Vinci, il genio di cui si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS