Via del Sale: un viaggio nel passato per conoscere la storia dei monumenti che la circondano

La via del Sale è una di quelle mete e percorsi da non perdersi, camminare e trovarsi ovunque ti giri, castelli, torri medievali, cappelle… Le tappe consigliate sono il castello di Monesiglio: Pare che questo monte risalga al II secolo a. C. ed era chiamato Monte dell’Occhiello per la sua posizione strategica in quanto sentinella sulle opposizioni nemiche.

Poi si potrà visitare il castello degli Scarampi di Salicento: costruito tra il dodicesimo e tredicesimo secolo, era composto da 4 torri, ma quest’ultima fu rovinata dall’assedio da parte degli spagnoli nel 1639 e sempre durante quell’assedio, un cecchino che stava sulla torre, uccise il comandante delle truppe spagnole, Don Martino d’Aragona, con un colpo di moschetto.

La possente torre di Camerana che è passata da molti marchesi, nel cinquecento venne gravemente danneggiata durante le guerre tra francesi e spagnoli.

Continuiamo nella Pieve di Cortemilia con le sculture dell’isola Hilario, sono delle strutture fatte con canne di bambù tappeti di paglia, teli che dopo il devastante terremoto, i paesani hanno utilizzato questi oggetti riciclati per ricostruirsi i loro beni. Lo racconta lo scultore che ha visto con i suoi occhi un paese in ginocchio, il Myanmar. 

Fonte: La Stampa

About Sara Benvenuti

Giovane cameraman e assistente alla regia

Check Also

Pompei, rinvenuto un giardino segreto incantato

Ecco finalmente tornato alla luce l’ultimo tesoro sepolto di Pompei. Un piccolo, straordinario, giardino incantato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS