Bocciata la Tav con un’analisi costi-benefici: ” aumenta il traffico pesante”

C’è anche il dossier Tav tra i temi di fibrillazione nella maggioranza e di scontro con la Francia. Beppe Grillo va all’attacco di Salvini “sceriffo” e dei sì Tav. Toninelli, intanto, fa sapere che l’analisi costi benefici verrà pubblicata la prossima settimana. Parigo resta in pressing: ‘Avanti sulla Tav per il rilancio dell’economia’. 

Il nodo dell’analisi condotta dal comitato di esperti guidato dal professor Marco Ponti del Politecnico di Milano e presentata in bozza in Francia, verte tra le altre cose sulla questione del traffico pesante.

I numeri snocciolati nell’analisi dicono che questo effetto non ci sarebbe: il traffico che ogni giorno insiste sulla tangenziale di Torino, si legge nel documento, ammonta complessivamente a 400 mila veicoli, di cui 80 mila mezzi pesanti.

Ebbene, di questi soltanto una minima parte (stando al dato ufficiale medio del 2018 riportato dalla società Sitaf) imbocca oggi il tragitto stradale che di fatto verrebbe soppiantato dalla Tav: sono infatti 2.150 i Tir che quotidianamente attraversano il traforo del Frejus (e oltre 3 mila automobili) e circa 3.300 gli autoarticolati che percorrono nei due sensi la A32 Torino-Bardonecchia. 

Fonte: Tgcom24.it / Ansa.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Megaponte di Pasqua e 1 Maggio: le mete preferite dagli italiani

Roma, Firenze e Venezia sono le mete preferite ma sono amate anche Palermo, Napoli e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS