Google celebra la Festa dei Nonni con l’invito a leggere un libro

Il doodle di google di oggi, Martedì 2 ottobre, nel celebrare la Festa Nazionale dei Nonni invita alla lettura,  al momento indimenticabile in cui i nonni leggono fiabe ai nipoti. È un rimando particolare alle storie che i nonni tramandano di generazione in generazione, e insieme alle storie, anche i ricordi.

Questo perché i nonni sono i nostri angeli custodi, infatti il 2 ottobre la Chiesa celebra proprio gli angeli custodi, mentre la ricorrenza civile è stata introdotta in Italia dalla legge 159 del 2005. L’obiettivo è celebrare l’importanza del ruolo dei nonni nelle famiglie e nella società.

I nonni in Italia sono oltre 12 milioni, mentre i  nipoti arrivano in media a 54,8 anni. Il nostro è il paese europeo con la più alta percentuale di nonni che si occupano di un nipote, quasi il 26% mentre i genitori sono al lavoro. Sono uno strumento del welfare, fra i più efficaci in Italia negli ultimi anni.

Ogni 100 giovani ci sono 157,5 anziani. È l’indice di vecchiaia in Italia, cresciuto di oltre 14 punti percentuali fra il 2005 e il 2015.

La festa esiste negli Stati Uniti dal 1978. È stata istituita su proposta di una casalinga della Virginia con 15 figli e quaranta nipoti, Marian McQuade. Il presidente Jimmy Carter la sostenne per educare le giovani generazioni all’affetto per i nonni. Negli Usa si festeggia la prima domenica di settembre dopo il Labor Day, la prima domenica di ottobre nel Regno Unito, il 25 ottobre in Canada. In Francia hanno separato nonno e nonna: i primi dal 2008 la prima domenica di ottobre, le signore già dal 1987 la prima domenica di marzo.

Fonte: VanityFair

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Fenomeno delle sette in aumento: Dalle esoteriche a quelle pseudo-religiose

Quello delle sette è un fenomeno in aumento. Dall’inizio del 2018, il Servizio AntiSette dell’Associazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS