REI (Reddito di Inclusione): Tutto quello che c’è da sapere

Il Reddito di Inclusione (REI) è una misura nazionale di contrasto alla povertà finanziata e gestita a livello centrale.

Il REI si compone di un beneficio economico, erogato a scadenza mensile attraverso una carta prepagata (Carta REI) e un progetto personalizzato finalizzato all’attivazione e all’inclusione sociale e lavorativa volto alla risoluzione della condizione di povertà.

Il REI sostituisce il SIA (Sostegno all’Inclusione Attiva) e L’ASDI (L’Assegni di Disoccupazione) che è stato abolito all’inizio del 2018.

Attenzione! Il REI è incompatibile con la Naspi e altri ammortizzatori sociali in contrasto alla disoccupazione e può essere decurtato se non ci si presenta alla convocazione per il progetto di inserimento lavorativo. Questa misura coinvolge una platea di 400 mila famiglie e più precisamente 1,77 milioni di persone e 4,6 milioni di italiani in povertà assoluta.

Ricordiamo che l’ISTAT afferma che sono considerate in povertà assoluta quelle famiglie in cui la spesa è inferiore al valore del paniere (di beni e servizi) assumendo che la loro condizione economica non gli consente di spendere sino alla soglia minima che è il valore del paniere.

L’importo previsto ammonta a 450 euro mensili a famiglie con figli minori a carico. Può valere per una persona singola 187,50 euro fino a un massimo di 485 euro per un nucleo familiare di massimo 5 persone.

Chi pùò richiedere il REI?

  1. cittadino italiano o comunitario
  2. extracomunitario con un permesso di soggiorno regolare in Italia da almeno due anni di seguito.

Le condizioni essenziali per il REI sono: l’attestazione ISEE con un valore minore ai 6.000 euro e un patrimonio immobiliare con valore minore a 20.000 euro( senza abitazione).

Il REI può essere usato in supermercati, farmacie e uffici postali e consente prelievi in contanti per 50% del suo importo. La domanda viene presentata in Comune o negli uffici stabiliti dai comuni.

Scritto da Veronica Pozzi
Fonti ISTAT | INPS

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Made in Italy, gli italiani legati al proprio paese nella scelta dell’auto

Italiani legati al Made in Italy per la scelta della prima auto: è quanto emerge …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS