Ritrovata nella Royal Society la lettera che costò a Galileo Galilei l’accusa di eresia

Nella Biblioteca della Royal Society un giovane ricercatore italiano dell’Università di Bergamo, Salvatore Ricciardo, ha rinvenuto un reperto che si considerava smarrito ormai da tempo: La lettera perduta in cui Galileo Galilei mise giù le sue tesi contro l’idea, sostenuta dalla Chiesa, che fosse il Sole a ruotare intorno alla Terra.

La lettera era in possesso della Royal Society da almeno 250 anni e risale al 1613. E’ lunga 7 pagine, è firmata da G.G. ed è indirizzata a Benedetto Castelli, amico di Galileo Galilei e Matematico dell’Università di Pisa.

Quella lettera, due anni dopo, venne inviata all’inquisizione dal frate domenicano Niccolò Lorini e la copia di quella lettera è custodita ora negli Archivi Segreti Vaticani. Nel 1633, dopo che Galileo Galilei pubblicò Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, venne processato e condannato per eresia.

Ricciardo, insieme al suo supervisore Franco Giudice e allo storico Michele Camerota dell’università di Cagliari, ha verificato l’originalità della lettera confrontando singole parole con altre simili scritte da Galileo nello stesso periodo.

Fonte Repubblica.it

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Compie 70 anni la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Il 10 dicembre 1948, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS