World Press Photo 2018: Immagini dal più grande concorso di Fotogiornalismo

Il World Press Photo è un’organizzazione no-profit con sede ad Amsterdam. È stata fondata nel 1955 ed è famosa per la creazione del più grande e più prestigioso concorso di fotogiornalismo mondiale.

Dopo la cerimonia di premiazione delle migliori foto, che avviene ad Oude Kerk ad Amsterdam, le fotografie vincitrici sono assemblate in una mostra itinerante, in genere nelle grandi città.

Quest’anno l’esposizione del World Press Photo arriva per la prima volta in Sardegna, nella cittadina di Gavoi. Tra le immagini esposte c’è anche la foto dell’anno 2018, il riconoscimento più importante del concorso, che questa volta è andato a Ronaldo Schemidt, fotoreporter dell’agenzia France-Press, con un’immagine drammatica e potente, quella di un giovane manifestante che corre, avvolto dalle fiamme, durante violenti scontri con la polizia a Caracas, in Venezuela.

La mostra sarà aperta dal 27 Ottobre al 18 Novembre e sarà allestita negli spazi comunali della ExCaserma, in via Sant’Antioco 2. I foto-reporter, documentaristi e giornalisti che espongono le proprie opere, sono in tutto 42 e provengono da 22 paesi differenti.

Come ogni anno, anche per questa sessantunesima edizione, sono arrivate in finale per il premio World Press Photo of the year immagini emblematiche, di forte impatto emotivo, che raccontano visivamente i principali accadimenti dello scorso anno. Ecco di seguito una galleria con alcune delle foto presenti alla mostra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fonte Lanuovasardegna

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Irreperibile il farmaco contro il Morbo di Crohn: l’allarme dei pazienti

Nelle farmacie italiana, da Agosto, non si trova il Questran, un farmaco poco caro ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS