La Lazio compie 119 anni, ma la festa si trasforma in scontri tra Ultras e Polizia

Come ogni anno, i tifosi della Lazio si sono dati appuntamento in piazza della Libertà per festeggiare il compleanno del club fondato il 9 gennaio 1900. Questa volta, però, la festa con circa 2500 persone si è traformata in scontri con la polizia. Un gruppo di ultras, a volto coperto, si è staccato e ha iniziato a lanciare bottiglie contro la polizia che ha risposto con cariche e idranti. Al momento si contano sette poliziotti feriti e tre fermati.

Violenza privata, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Sono le ipotesi di reato della Procura di Roma in relazione agli scontri avvenuti nella notte tra martedì e mercoledì tra un gruppo di ultras della Lazio e le forze dell’ordine nel corso della festa per il 119° compleanno del club biancoceleste.

Il bilancio, riferisce l’Ansa è al momento di un arresto e tre tifosi denunciati. Una decina i poliziotti feriti. Prima degli scontri i tifosi della Lazio si erano dati appuntamento a piazza della Libertà a Roma, per festeggiare il 119° anniversario del club biancoceleste, fondato il 9 gennaio del 1900.

Per questo dalle 23 del giorno 8 i primi sostenitori hanno cominciano a prendere posizione nella piazza preparando gli striscioni. Alla fine si sono potuti contare circa 2000 tifosi, che hanno celebrato la ricorrenza.

Quest’anno però l’evento è stato caratterizzato dalla presenza a sorpresa di Claudio Lotito: il presidente è arrivato in macchina tra lo stupore generale, inizialmente senza uscire dalla vettura. Poi ha rilasciato anche alcune dichiarazioni. Dopo, la degenerazione gli scontri. 

Fonte: Tgcom24.it / Skytg24.it

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Formula 1: doppietta Mercedes. Vettel, che pasticcio! Leclerc sul podio

Un gran premio davvero emozionante quello corso ieri a Silverstone il Gran Bretagna. Una gara …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS