Processo ‘Ndrangheta “Aemilia”, condanna di 2 anni per Vincenzo Iaquinta

Vincenzo Iaquinta, ex attaccante di Udinese, Juventus e della Nazionale italiana, è stato condannato in primo gradi a 2 anni di carcere nell’ambito del processo di ‘ndrangheta “Aemilia”.

Il giocatore, che ha fatto parte della fortunata spedizione guidata da Marcello Lippi che vinto i Mondiali del 2006 in Germania, ha dichiarato: “Il nome ‘ndrangheta non sappiamo neanche cosa sia nella nostra famiglia. Non è possibile. Mi hanno rovinato la vita sul niente, perché sono calabrese, perché sono di Cutro”.

Il padre di Vincenzo, Giuseppe Iaquinta, accusato e processato per associazione mafiosa, è stato condannato a 19 anni di reclusione. Entrambi erano presenti all’udienza di ieri, Mercoledì 31 Ottobre.

Vincenzo Iaquinta è nato a Crotone il 21 Novembre 1979. Cresce calcisticamente nel Reggiolo, dove resta due anni. In seguito viene acquistato dal Padova, con cui esordisce in Serie B, ottenendo 13 presenze con 3 reti. Al termine della stagione viene ceduto al Castel di Sangro, con cui passa due stagioni in Serie C1.

Nell’estate 2000 viene acquistato da una società del massimo campionato, l’Udinese, dove in 7 anni colleziona 176 gare e realizza 58 reti. Nel Giugno 2007 passa alla Juventus per 11,3 milioni di euro, firmando un contratto quinquennale: segna 30 gol in 86 partite.

In Nazionale realizza in totale 6 reti in 40 presenze: la più importante, senza dubbio, è quella segnata al Ghana il 12 Giugno 2006 nella partita d’esordio dell’Italia ai Mondiali del 2006 in Germania.

Fonte Gazzetta dello Sport | Wikipedia

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Torino, k.o. casalingo nei playoff. Si complica la strada verso l’Europa League

Una sconfitta casalinga che complica il cammino verso la fase a gironi di Europa League per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS