Venezia 75, Jennifer Kent insultata dopo la proiezione: “Vergogna, p…”

Oggi alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, giunta alla sua 75a Edizione, l’unica regista donna della manifestazione è stata insultata alla fine della proiezione del suo film. Si tratta di Jennifer Kent, autrice della pellicola “The Nightingale“.

Dal pubblico si è sentito un chiaro “vergogna, puttana, fai schifo” urlato da una voce maschile. L’autore dell’insulto, che poco dopo si è autodenunciato su Facebook, si chiama Sharif Meghdoud.

Di base non sono contrario ai fischi e insulti alle fine delle proiezioni ai festival ma il mio gesto di ieri sera è da condannare per la sua natura estremamente esplicita e offensiva. Vorrei innanzitutto chiedere scusa a tutte le persone che si sono sentite offese dal mio gesto, alla regista Jennifer Kent alla quale auguro una splendida carriera e alla Biennale di Venezia e i direttori Paolo Baratta e Alberto Barbera per la brutta figura che ho fatto fare a livello internazionale“. Questo è quello che ha scritto Sharif Meghdoud, al quale è stato ritirato l’accredito.

La risposta della regista, invece, è stata pacata e matura: “È importante reagire con compassione e amore all’ignoranza. Essere l’unica donna regista non mi rende felice, mi piacerebbe avere altre sorelle registe qui. Il compito del cinema è riflettere il mondo, e certo il rapporto uomini/donne qui è squilibrato. Il mio film parla di rispetto delle donne che non sono il solo gruppo sociale sottorappresentato“.

Fonte ilGiornale

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

“Bentornato Presidente”, il trailer del film con Claudio Bisio (VIDEO)

Ecco il Trailer di “Bentornato Presidente”, seguito del film Benvenuto Presidente, uscito nel 2013. Tornerà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS