Venezia 75, Jennifer Kent insultata dopo la proiezione: “Vergogna, p…”

Oggi alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, giunta alla sua 75a Edizione, l’unica regista donna della manifestazione è stata insultata alla fine della proiezione del suo film. Si tratta di Jennifer Kent, autrice della pellicola “The Nightingale“.

Dal pubblico si è sentito un chiaro “vergogna, puttana, fai schifo” urlato da una voce maschile. L’autore dell’insulto, che poco dopo si è autodenunciato su Facebook, si chiama Sharif Meghdoud.

Di base non sono contrario ai fischi e insulti alle fine delle proiezioni ai festival ma il mio gesto di ieri sera è da condannare per la sua natura estremamente esplicita e offensiva. Vorrei innanzitutto chiedere scusa a tutte le persone che si sono sentite offese dal mio gesto, alla regista Jennifer Kent alla quale auguro una splendida carriera e alla Biennale di Venezia e i direttori Paolo Baratta e Alberto Barbera per la brutta figura che ho fatto fare a livello internazionale“. Questo è quello che ha scritto Sharif Meghdoud, al quale è stato ritirato l’accredito.

La risposta della regista, invece, è stata pacata e matura: “È importante reagire con compassione e amore all’ignoranza. Essere l’unica donna regista non mi rende felice, mi piacerebbe avere altre sorelle registe qui. Il compito del cinema è riflettere il mondo, e certo il rapporto uomini/donne qui è squilibrato. Il mio film parla di rispetto delle donne che non sono il solo gruppo sociale sottorappresentato“.

Fonte ilGiornale

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Addio a Stan Lee, il fumettista Marvel che ha inventato Spiderman, Hulk e gli X-Men

Stan Lee, il leggendario creatore dei supereroi Marvel, è morto oggi Lunedì 12 Novembre all’età …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS