Adescava minori su Internet. Arrestato un 35enne

Adescava minori in difficoltà o con fragilità emotive sui social e poi prometteva loro incontri con personaggi famosi e carriere nel mondo dello spettacolo ma col solo scopo di approfittare sessualmente di loro, riuscendoci in almeno due casi. Per questo gli uomini della Squadra Mobile della polizia di Stato di Forlì questa mattina hanno arrestato un 35enne del posto con l’ accusa di  violenza sessuale su 2 ragazzi minorenni.

Dopo essere riuscito a guadagnare la fiducia degli adolescenti, l’uomo scambiava con i ragazzi anche fotografie e video esplicitamente sessuali prima di arrivare a invitarli per un incontro faccia  a faccia.

Come ricostruito dagli inquirenti, l’uomo intratteneva con loro conversazioni quotidiane promettendo quello che i ragazzi volevano sentirsi dire e millantando conoscenze che non aveva dopo aver raccolto informazioni sulla vita, le vicende personali e le fragilità dei ragazzi. Quasi sempre faceva la parte della persona disinteressata offrendosi di aiutarli a risolvere le loro problematiche.

Le indagini sono partite da alcuni casi segnalati a Savignano sul Rubicone, Gatteo e Rimini. I minori coinvolti, tutti di età compresa tra i 14 ed i 17 anni, spesso venivano distratti dalle reali intenzioni dell’uomo, che riusciva a realizzare un ambiente apparentemente sicuro anche agli occhi dei loro genitori

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Morto Antonio Megalizzi, il giornalista italiano ucciso nella sparatoria a Strasburgo

I genitori di Antonio, la sorella Federica, la fidanzata Luana e tutta la famiglia chiedono il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS