Bimbo muore di infezione. I genitori non gli cambiavano il pannolino da 14 giorni

Una notizia drammatica quella che giunge dagli Stati Uniti. Un bimbo di soli quattro mesi è morto perché i genitori non gli hanno cambiato il pannolino per due settimane.

Feci e urina del piccolo hanno causato una tremenda irritazione cutanea e un’infezione talmente grave da causare la morte del bambino.

L’allarme è stato lanciato da alcuni amici della coppia di “genitori”, che hanno visto il bimbo, denutrito e in grave stato di disidratazione, mentre era circondato da vermi. Portato con urgenza in ospedale, i medici hanno tentato l’impossibile per salvarlo. Ma è stato tutto inutile. L’infezione era troppo grave.

La tragedia è il frutto di una situazione familiare molto complessa, su cui indagano gli agenti della polizia. Dalle prime informazioni, sembra che padre e madre fossero tossicodipendenti. Gli amici della coppia che hanno notato per primi i vermi sapevano infatti che avessero solo una figlia, che tra l’altro viveva insieme ai genitori ed era ben curata. Alcuni non sapevano neanche che avessero avuto un altro figlio. Adesso i genitori rischiano fino a 20 anni di carcere.

Il diritto del minore a crescere e ad essere educato nella propria famiglia d’origine non è privo di limiti, dovendosi anche accertare l’idoneità genitoriale dei genitori ad assicurare l’armonico sviluppo psico-fisico del minore.

Quando tutto questo viene meno diventa opportuno, come nel caso in questione,  segnalare il caso ai servizi sociali. Una segnalazione tempestiva avrebbe sicuramente salvato la vita al piccolo.

 

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Sono passati 3 anni dall’attentato a Parigi. Il bilancio fu di 130 morti e 400 feriti

Sono già passati tre anni da quel 13 Novembre  in cui Parigi piombò in pochi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS