Carcere Rebibbia, detenuta uccide i figli: “Adesso sono liberi”

È accaduto ieri, mercoledì 19 settembre, nell’area nido del carcere di Roma Rebibbia che una detenuta ha spinto i propri due figli dalle scale, uccidendoli.

Era in carcere per traffico e uso di sostanze stupefacenti, Sebesta, che ha raccontato al suo avvocato difensore “Adesso sono liberi, gli ho dato la libertà” riguardo il suo folle gesto.

Ora è sotto stretta sorveglianza nel reparto psichiatrico dell’ospedale Pertini, dove ha passato le ultime 24 ore.

La figlia più piccola, Faith nata a Monaco di Baviera il 7 marzo scorso, è morta sul colpo, per il fratellino Divine, nato sempre a Monaco il 2 febbraio del 2017, i medici dell’ospedale Bambino Gesù hanno avviato la procedura per l’accertamento della morte cerebrale.

A rintracciare Ehis E, il padre dei piccoli, sono stati i Carabinieri e l’Interpol. Seguendo le indicazioni della Procura di Roma, l’uomo dovrà ora decidere se dare il via libera, o meno, per l’espianto degli organi.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha, infatti, deciso per la ‘linea dura’ sospendendo il direttore della casa circondariale femminile, Ida Del Grosso, la sua vice, Gabriella Pedote, e il vice comandante del reparto di Polizia penitenziaria, Antonella Proietti.

Fonte: Ansa

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Traffico di cuccioli di cani. Sgominata un’associazione a delinquere

La Polizia Stradale di Udine ha smantellato una banda dedita al traffico internazionale di cuccioli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS