Condannato a 22 anni l’uomo sieropositivo che contagiò consapevolmente 32 persone

 E’ stato condannato a 22 anni di reclusione Valentino Talluto, il 34enne di origini siciliane, sotto processo perché accusato di aver contagiato con l’Hiv 32 persone.

La prima Corte d’Assise d’Appello di Roma ha concesso uno sconto di pena – in primo grado era stato condannato a 24 anni – di due anni poiché è stato assolto per 4 episodi con formula dubitativa “per non aver commesso il fatto”.

Valentino Talluto ha ascoltato impassibile i giudici che lo condannavano a 22 anni di carcere. E mentre la Corte d’assise d’appello pronunciava la sua decisione, confermando sostanzialmente l’impianto accusatorio della sentenza di primo grado, alcune delle vittime presenti in aula si sono lasciate andare a lacrime di delusione. Talluto è stato condannato per lesioni personali gravissime, lo stesso reato del primo grado, quando però aveva avuto 24 anni di reclusione.

La lieve riduzione concessa dai giudici è da attribuirsi con un’assoluzione parziale per quattro degli episodi contestati. La parte assolutoria della sentenza è motivata con la formula dubitativa: per i giudici un dubbio che il contagio di queste quattro ragazze (una delle quali alla lettura del dispositivo è scoppiata in lacrime, scappando dall’aula) sia stato provocato da Talluto.

A Complessivamente al giovane di origini siciliane venivano attribuiti 57 episodi, 32 di contagio diretto o indiretto, e 25 “scampati” grazie alla presenza di anticorpi; venticinque di queste ragazze si sono costituite parti civili.

Fonte Tgcom24.it / Ansa.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Tragedia sul campo da calcio: muore giovane di 22 anni

A Bologna, durante la partita di Seconda Categoria tra Argelatese e X Martiri si è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS