Daisy Osakue atleta italiana di origini nigeriane aggredita

Si indaga su una pista razzista per l’aggressione avvenuta a Moncalieri, vicino a Torino. L’atleta di 22 anni italiana di origini nigeriane della nazionale italiana di atletica,  Daisy Osakue è stata aggredita nella notte tra il 29 e 30 luglio.

La tumefazione riportata al suo occhio potrebbe ora impedirle di partecipare ai campionati Europei Assoluti in programma a Berlino.

La lesione alla cornea è stata riportata a seguito di alcune uova lanciate contro di lei da due aggressori in macchina che le si era affiancata mentre tornava a casa.

L’episodio fa parte di una pericolosa escalation di aggressioni a stampo razziste avvenute ultimamente a Partinico, nel palermitano, un cameriere senegalese di 19 anni è stato picchiato al grido di “torna a casa tua”.

Ad Aprilia, a Latina, un marocchino è morto dopo essere stato inseguito da due persone convinte che fosse un ladro.

La Osakue è una campionessa di lancio del disco, con record personale nella specialità 59,72 metri. A denunciare l’accaduto è stato Enrico Mentana su Instagram.

Il ministro Salvini parla di “propaganda di sinistra” ma il perpetuarsi di aggressioni a sfondo xenofobo è la denuncia di una situazione che non prevede il “nascondere la testa sotto la sabbia”.

La ragazza in una intervista ha dichiarato di aver avuto paura che le uova scagliate sul suo volto fosse in realtà acido, per lei sono stati attimi di terrore ma soprattutto inspiegabili, “forse” dice “mi hanno scambiata per una delle prostitute nere che si trovano in quella zona”.

Fonte: Ansa

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Mancano gli infermieri in pediatria. Aumento rischio di morte per i pazienti

Negli ospedali italiani, i reparti di pediatria sono sotto organico: gli infermieri sono troppo pochi e i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS