Emergono particolari sul caso Cardito: “a scuola arrivava con i lividi”

Emergono nuovi elementi sul caso del piccolo Giuseppe, ucciso di botte a 7 anni a Cardito, nel Napoletano. Dopo il patrigno, è stata arrestata anche la madre, ma in molti erano a conoscenza della situazione familiare. Il piccolo e la sorellina di 8 anni più volte si erano presentati a scuola con lividi e tumefazioni al viso.

Alle maestre avevano detto che erano stati picchiati dal compagno della mamma. Dalla scuola, però, nessuna segnalazione.

ll gip Antonella Terzi nell’ordinanza parla di “colpevole negligenza” della dirigente scolastica e definisce la segnalazione “debole quanto tardiva”.

Ora la posizione della funzionaria è al vaglio della Procura e il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha inviato gli ispettori presso l’istituto Quasimodo.

Fonte: tgcom24.it 

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Rischio alcol per 8,6 milioni di persone. Percentuale maggiore tra i giovani

In Italia sono 8 milioni e 600 mila i consumatori di alcol a rischio, 68 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS