“Genitori, controllate i telefoni dei vostri figli” l’appello degli inquirenti della procura per i minori

Un video diffuso  su WhatsApp fa rimanere tutti impietriti . Nel video si vedono per dieci secondi , immagini di sesso tra una bambina che avrà più o meno 10 anni e un paio di ragazzini forse di poco più grandi di lei. La bambina si vede chiaramente in viso. Sorride ed e a suo agio  durante le riprese e durante il sesso come se fosse una cosa buffa. Comunque naturale.

l filmato, è stato girato in una località vicina al mare in provincia di Roma. Anche l’accento dei ragazzini protagonisti del video è nettamente romano come la località che si evidenzia nello sfondo. La segnalazione è scattata quando ,un ragazzo di una scuola media del Mugello, in provincia di Firenze,  ha avvisato subito la professoressa della presenza del video. La docente ha portato il cellulare alla direttrice che ha fatto immediatamente denuncia ai carabinieri.

I militari hanno trasmesso la notizia alla procura dei minori di Firenze che ha aperto una inchiesta.

Non bisogna però additare tutta la colpa alla modernità e alla tecnologia. L’uso eccessivo di social ed internet  è legato a problemi emotivi sottostanti, come l’ansia, la depressione, lo stress o la rabbia e il desiderio di attirare attenzione e sentirsi “importanti”. Il web viene utilizzato come modalità per  percepire in maniera minore il disagio o per cercare di esorcizzarlo.

Fonte : lanazione.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Sono passati 3 anni dall’attentato a Parigi. Il bilancio fu di 130 morti e 400 feriti

Sono già passati tre anni da quel 13 Novembre  in cui Parigi piombò in pochi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS