Gli incidenti di Bologna e Foggia: tutti gli aggiornamenti

L’incidente di Foggia è il secondo avvenimento che ha visto in meno di tre giorni la morte di ben 16 lavoratori. Intanto che il Ministro del Lavoro e Viceministro Luigi Di Maio, insieme al Ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli si impegnano a chiarire le cause dichiarando su Twitter

“Stiamo seguendo con apprensione gli sviluppi di quanto accaduto nel bolognese e nel foggiano. Massima vicinanza ai familiari delle vittime e ai feriti. Approfondiremo le cause degli incidenti e interverremo, laddove possibile, per evitare che simili tragedie capitino di nuovo”.

Non c’è solo caporalato. Gravi violazioni dei diritti umani si compiono ai danni di donne e figure vulnerabili. Agromafia e caporalato, grave sfruttamento in agricoltura, migranti schiavi nei campi, ghetti. Ma esattamente di cosa stiamo parlando? Il tema è l’emergenza migranti o il modo di produrre dell’agricoltura contemporanea? Il problema resta a noi invisibile, finché non iniziamo ad informarci sui processi e quindi sulle filiere.

Due tragedie in un solo giorno: a Bologna l’autocisterna esplosa sul ponte di Borgo Panigale, ha causato 68 feriti e 1 morto, viabilità chiusa, intervento delle forze speciali e devastazione nell’ambiente circostante.

La procura di Bologna ha aperto un’inchiesta per disastro colposo a carico di ignoti. La polizia di Stato ricorda che i controlli sui mezzi pesanti che trasportano merci pericolose sono nella norma. I Vigili del Fuoco compiono sopralluoghi negli edifici limitrofi.

Oggi, 7 agosto, il premier Giuseppe Conte farà visita ai luoghi dei disastri e renderà omaggio alle famiglie delle vittime.

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Sono passati 3 anni dall’attentato a Parigi. Il bilancio fu di 130 morti e 400 feriti

Sono già passati tre anni da quel 13 Novembre  in cui Parigi piombò in pochi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS