Imputato prende ostaggi alle Poste: “Sono quello condannato a 19 anni”

Un imputato condannato pochi giorni fa nel maxi-processo di `ndrangheta `Aemilia´, e da allora irreperibile, si è asserragliato lunedì mattina dentro l’ufficio postale di Pieve Modolena, frazione di Reggio Emilia, con un coltello da cucina.

Avrebbe fatto uscire i 7 clienti presenti nella struttura al momento dell’irruzione, tenendo in ostaggio 4 dipendenti e la direttrice della filiale, in via Fratelli Cervi 160.

Si tratta del 55enne Francesco Amato, resosi latitante subito dopo la sentenza emessa 5 giorni fa, che ha coinvolto anche l’ex calciatore Vincenzo Iaquinta e suo padre. “Vi ammazzo tutti “ avrebbe urlato l’imputato una entrato all’interno dello stabile.

“Sono quello condannato a 19 anni”. Dopo qualche ora è stata fatta uscire una donna che, appena fuori, ha avuto un mancamento ed è stata soccorsa dal personale del 118.

Amato ha nel frattempo proseguito  la trattativa con le forze dell’ordine, all’esterno dell’ufficio postale dentro cui Amato si è asserragliato intorno alle 9 del mattino, facendo uscire tutti i clienti e prendendo in ostaggio i dipendenti .

Sul posto le forze dell’ordine, che hanno chiuso le strade e avviato la trattativa.

Amato, che ha chiesto di poter parlare con il ministro dell’Interno Matteo Salvini, era stato condannato in rito abbreviato per associazione a delinquere di stampo mafioso a 19 anni e 1 mese insieme al fratello Alfredo.

Fonte: Virgilio.it    Ilrestodelcarlino.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Sono passati 3 anni dall’attentato a Parigi. Il bilancio fu di 130 morti e 400 feriti

Sono già passati tre anni da quel 13 Novembre  in cui Parigi piombò in pochi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS