Inaugurata la “Casa di Noemi”, in ricordo di Noemi Durini

E’ stata inaugurata il mese scorso ( 15 novembre)  a Specchia l’associazione “Casa di Noemi“, il centro contro la violenza di genere e il bullismo istituito in ricordo di Noemi Durini, la sedicenne uccisa il 3 settembre 2017 dal fidanzato Lucio Marzo che nascose il cadavere sotto un cumulo di pietre nelle campagne di Castrignano del Capo

Secondo l’Istat, un milione e 157mila donne avrebbero subito una violenza sessuale nel corso della vita, tra stupri e tentati stupri.
I dati relativi al 2016 risultano allarmanti: tra le donne abusate dai partner, il 90,6% ha subito rapporti sessuali indesiderati; il 79,6% tentativi di strangolamento, soffocamento e ustione; il 77,8% schiaffi, pugni, calci e morsi.

Le percosse, in una minoranza dei casi (1,5%), hanno provocato danni permanenti. Tra le mogli e le fidanzate vittime di violenza, il 37,6% ha riportato ferite o lesioni, il 21,8% soffre di dolori ricorrenti. Neppure la gravidanza ferma gli abusi, anzi nel 7,5% dei casi è il motivo che provoca l’ira dell’uomo.


I picchi di violenza, spiega l’Istat, sono spesso anticipati da vessazioni psicologiche, uno stato di soggezione che riguarda 4 donne su 10: il 40,4% le vittime di violenza psicologica, ad esempio attraverso la svalutazione o sottomissione.

Fonti: Ansa.itassistentesocialeconte.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Attentato a Nairobi: 14 vittime, eliminati i terroristi

Spari ed esplosioni nella giornata di ieri nel complesso in cui si trova un hotel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS