Indonesia, Boeing 373 precipita dopo il decollo: A bordo c’erano 188 persone

Terribile incidente aereo in Indonesia avvenuto poche ore fa. Un Boeing 737 della compagnia Lion Air, partito da Giacarta e diretto a Pangkal Pinang, al largo dell’isola di Sumatra, si è schiantato poco dopo il decollo.

A bordo c’erano 188 persone (181 passeggeri e sette membri dell’equipaggio). Secondo i soccorritori intervenuti sul luogo dove è avvenuto lo schianto non ci sono indicazioni riguardo a possibili sopravvissuti.

Dopo soli 13 minuti dal decollo, il comandante dell’aereo aveva chiesto alla torre di controllo di poter fare ritorno all’aeroporto a causa di un guasto tecnico non precisato. L’AD della Lion Air, Edward Sirait, ha dichiarato: “Il nostro pilota ha operato secondo le procedure e quando ha visto un problema ha chiesto di tornare alla base, ma sappiamo come è finita“.

AGGIORNAMENTO DELLE 11.15 DEL 29 OTTOBRE 2018

Secondo fonti Ansa c’era anche un italiano a bordo del Boeing 737 precipitato poco dopo il decollo da Giacarta (Indonesia). Circa 300 persone tra soldati, agenti di polizia e pescatori sono impegnati nelle ricerche delle vittime, o di eventuali sopravvissuti: finora non è stato recuperato alcun corpo né sono stati trovati superstiti.

Intanto c’è una rettifica sul numero delle persone totali (tra passeggeri e membri dell’equipaggio) presenti a bordo: erano 189. Le autorità hanno reso noto che le acque in cui è caduto l’aereo sono profonde 30-35 metri e che i sommozzatori stanno cercando il relitto.

Fonte Repubblica.it

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Sgomberato il presidio umanitario di Baobab Experience a Roma: E’ la 22esima volta

I circa 200 migranti che erano presenti fino a questa mattina presso il presidio umanitario …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS