Indonesia, Boeing 373 precipita dopo il decollo: A bordo c’erano 188 persone

Terribile incidente aereo in Indonesia avvenuto poche ore fa. Un Boeing 737 della compagnia Lion Air, partito da Giacarta e diretto a Pangkal Pinang, al largo dell’isola di Sumatra, si è schiantato poco dopo il decollo.

A bordo c’erano 188 persone (181 passeggeri e sette membri dell’equipaggio). Secondo i soccorritori intervenuti sul luogo dove è avvenuto lo schianto non ci sono indicazioni riguardo a possibili sopravvissuti.

Dopo soli 13 minuti dal decollo, il comandante dell’aereo aveva chiesto alla torre di controllo di poter fare ritorno all’aeroporto a causa di un guasto tecnico non precisato. L’AD della Lion Air, Edward Sirait, ha dichiarato: “Il nostro pilota ha operato secondo le procedure e quando ha visto un problema ha chiesto di tornare alla base, ma sappiamo come è finita“.

AGGIORNAMENTO DELLE 11.15 DEL 29 OTTOBRE 2018

Secondo fonti Ansa c’era anche un italiano a bordo del Boeing 737 precipitato poco dopo il decollo da Giacarta (Indonesia). Circa 300 persone tra soldati, agenti di polizia e pescatori sono impegnati nelle ricerche delle vittime, o di eventuali sopravvissuti: finora non è stato recuperato alcun corpo né sono stati trovati superstiti.

Intanto c’è una rettifica sul numero delle persone totali (tra passeggeri e membri dell’equipaggio) presenti a bordo: erano 189. Le autorità hanno reso noto che le acque in cui è caduto l’aereo sono profonde 30-35 metri e che i sommozzatori stanno cercando il relitto.

Fonte Repubblica.it

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Silvia Romano,viva il giorno di Natale. Ceduta successivamente ad una banda di rapinatori

Era ancora viva fino al giorno di Natale Silvia Romano, la cooperante rapita in Kenya il 20 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS