Le venivano erogati gli assegni familiari ma lei aveva un patrimonio da 4 Milioni

Non è la prima volta che alcuni “furbetti” dichiarano di non aver nessun tipo di bene per usufruire degli assegni familiari e degli ammortizzatori sociali del Comune. Ma questa vicenda ha dell’incredibile.

Pur possedendo un tesoro di ben 4 milioni di euro, Sena Halivovic, alias Raselma, 60 anni  è riuscita a dichiararsi per nullatenente, tanto da ottenere dal Comune di Torino 70mila euro in assegni familiari per lei e per 22 persone della sua famiglia. Soldi erogati e quindi  sottratti a chi ne aveva davvero bisogno.

Un patrimonio immenso accumulato in pochi anni grazie a truffe, furti di rame e metalli ferrosi e al traffico di auto, rubate in Italia e rivendute nei Paesi dell’Est. Eppure per lo Stato italiano, la regina dei rom era indigente e meritava assistenza e aiuti in denaro.

Tra i suoi possedimenti ci sono:  400 macchine di lusso, che avrebbe portato come regalo di nozze al suo ultimo marito, un castello, un hotel, un terreno sulle colline astigiane, ville con piscine e vasche idromassaggio, una residenza bunker a Mostar, in Bosnia Erzegovia.

Il suo è un clan numeroso. Infatti i Halivovic sono noti nella cronaca italiana: Erano Halilovic i tre minorenni che a Roma-nel 2015 – a bordo di un’auto investirono 9 persone e uccisero una donna di 44 anni. Era Halilovic il rom che stuprò 2 quattordicenni romane il 10 maggio 2017 in un boschetto del quartiere del Collatino.

Nell’aprile del 2017 carabinieri e polizia spagnola erano riusciti a catturare la regina dei rom a Girona.

Scarcerata è sparita nel nulla.

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Sono passati 3 anni dall’attentato a Parigi. Il bilancio fu di 130 morti e 400 feriti

Sono già passati tre anni da quel 13 Novembre  in cui Parigi piombò in pochi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS