Libia: confermato l’accordo sul cessate il fuoco dell’Onu a Tripoli

L’inviato speciale dell’Onu Ghassan Salamé conferma che in Libia è stato raggiunto l’accordo per porre fine a tutte le ostilità tra le milizie, al fine di proteggere i civili, salvaguardare le proprietà private e pubbliche e riaprire l’aeroporto.

Tutte le parti firmatarie si impegnano a trovare una soluzione efficace per il cessate il fuoco, afferma un testo di accordo in sette punti, e il ministro degli Esteri Moavero Milanesi considera molto positive le notizie provenienti da Tripoli.

Da Palazzo Chigi una nota dichiara che il governo resta estremamente concentrato nel seguire gli sviluppi in atto in Libia nell’auspicio di un superamento delle attuali tensioni. Ma la priorità per l’Italia resta la questione dei fondi previsti dal bilancio dell’Unione Europea per lo sviluppo socio-economico dei Paesi da cui partono i migranti.

Il bilancio degli scontri è di almeno 61 morti e 159 feriti, a cui si aggiungono 12 scomparsi in nove giorni di scontri tra milizie a Tripoli, prima degli accordi presi questo pomeriggio sul cessate il fuoco.

Inoltre è giunta notizia di alcuni africani fuggiti dal centro di detenzione nei pressi dell’aeroporto di Tripoli, dal sito di Reuters, secondo cui la stima sarebbe di 1800 persone che hanno abbandonato la struttura.

Fonte: Ansa

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Croce con vernice rossa e benzina sul pianerottolo: Avvertimento a Federico Ruffo

Federico Ruffo è in giornalista RAI che, con la trasmissione Report, sta indagando sui presunti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS