Mamma rimproverata per il ritardo a scuola: sputa e insulta la maestra

Non era la prima volta che la donna si presentava con molto ritardo a prendere il figlio. L’insegnante l’ha rimproverata e lei ha reagito sputando ed insultano la maestra. 

E’ accaduto in una scuola elementare di Saronno. La donna sarà denunciata.

“Non è la prima volta che accadeva arrivasse in ritardo“, racconta la maestra offesa, “Non era neppure un alunno della mia classe, ma in quel momento stavo cercando d’aiutare una collega supplente che non poteva più trattenersi a scuola perché doveva prendere il treno per tornare a casa“, spiega l’insegnante. “Dopo esserci confrontate con la dirigenza scolastica, abbiamo ritenuto di dover affrontare la situazione“, aggiunge.

Le maestre hanno quindi tentato di contattare ripetutamente la donna, che a oltre mezz’ora dall’uscita da scuola ancora non era venuta a prendere il figlio, ma senza successo.

Al suo arrivo, le maestre hanno ripreso la mamma, avvertendola che alla prossima occasione avrebbero chiamato la polizia locale. Da lì, la reazione della donna, di fronte all’intera scuola.

La violenza dei genitori nei confronti degli insegnanti non è nuova. Questo fenomeno negli ultimi anni è in continuo aumento al punto che in una nazione a noi vicina, la Francia, è comune che gli insegnanti si assicurino riguardo ad un’eventuale aggressione di uno studente o di un genitore per garantirsi una tutela legale e un supporto psicologico.

Insegnanti e genitori dovrebbero essere soci in questa alleanza educativa e non nemici.

Fonte: ilmessaggero.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Lite per nozze di quindicenni nomadi. Scontri tra famiglie e partono colpi di pistola

Si è conclusa a colpi di arma da fuoco una lite tra nomadi italiani scoppiata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS