Minorenni rom ridotte in schiave del sesso. Messo in vendita anche il nascituro di una delle vittime

Avevano ridotto in schiavitù e costretto a prostituirsi tre ragazze minorenni, che vivevano in un campo nomadi alla periferia di Foggia, e volevano vendere per 28.000 euro il bambino di una di loro, rimasta incinta.

I fermati sono una coppia, i loro tre figli (due dei quali minorenni) e una 26enne compagna di uno dei ragazzi. Come hanno spiegato gli inquirenti, le indagini hanno consentito di accertare “come fosse prassi consolidata quella di costringere le minori a prostituirsi anche durante la gravidanza e, davanti al rifiuto delle vittime, le stesse venivano percosse senza pietà dai rispettivi fermati preposti al loro controllo“.

In particolare, le indagini delegate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura alla Squadra Mobile di Foggia, Seconda Sezione, accertavano che le vittime venivano picchiate continuativamente, per più giorni, per piegare le loro capacità di reazione.

Le indagini svolte dalla Squadra Mobile di Foggia hanno accertato, in particolare, “l’esistenza di uno schema messo a punto dagli arrestati secondo il quale le minorenni, tutte appartenenti a nuclei disagiati, una volta condotte nel campo con l’inganno e l’impiego degli stratagemmi più vari, – si legge in una nota della Procura di Bari – venivano di fatto segregate all’interno di alcune baracche lì presenti, chiuse dall’esterno con una catena ed un lucchetto, picchiate continuativamente per più giorni per piegare le loro capacità di reazione e costrette a prostituirsi sotto il diretto controllo dei loro aguzzini”

 

Fonte: Tgcom24.it / La Gazzetta de lMezzogiorni.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Ergastolo per Alessandro Garlaschi, il tranviere che uccise Jessica Valentina Faoro con 85 coltellate

Il gup di Milano, con rito abbreviato, ha condannato all’ergastolo Alessandro Garlaschi, il tranviere accusato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS