Omicidio Morganti: tre condanne e una assoluzione. La rabbia del parenti

Si è chiuso con tre condanne e una assoluzione il processo di primo grado per la morte di Emanuele Morganti, il ragazzo massacrato di botte fuori da un locale ad Alatri (Frosinone). La vicenda fu uno shock per il paese del Frusinate, sconvolto dal brutale assassinio del giovane di 20 anni avvenuto il 26 marzo 2017, nella piazza del paese. Il giudice non ha accolto la tesi dell’accusa e ha alleggerito di molto le pene. Rabbia dei parenti di Emanuele.

Nel corso delle indagini Franco Castagnacci, unico assolto, era stato interrogato in Procura a Frosinone e si era difeso ribadendo “di essere intervenuto in aiuto a Emanuele”, spiegava il suo legale Marilena Colagiacomo.

La sentenza, che ha ridotto le pene chieste dall’accusa, è stata accolta con disappunto urla e strilli dai presenti.

Fonte: Tgcom24.it 

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Superenalotto: centrata la vincita più alta della storia

I sei numeri vincenti sono stati centrati e il montepremi più alto della storia è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS