Ong Open Arms: cambio di rotta

Insieme alle rotte dei migranti che non possono superare le tremende prigioni libiche e raggiungere l’Europa via mare, l’Organizzazione non governativa Open Arms sposterà la sua opera di salvataggi in mare verso lo stretto di Gibilterra, che connette Marocco e Spagna, e nel Mare di Alboran, in aiuto alle navi compagne già attive in quella zona di mare.

Lo annuncia il fondatore Oscar Camps al Corriere: “Siamo in balia della speculazione politica, l’Unione europea alimenta i populismi: pagano Erdogan, milioni di euro, pagano la Libia, e i trafficanti siamo noi”.

La conseguenza più immediata di questa politica messa in atto dal governo italiano è stata la chiusura dei porti di Italia e Malta  e la paralisi di numerose organizzazioni umanitarie, come pure l’aumento del flusso migratorio verso il sud della Spagna.

Intanto Federica Mogherini mette in chiaro che l’Europa intende supportare tutti i paesi facenti parte della ” Operazione Sophia“, riguardo la rotazione dei porti di sbarco, missione volta a fronteggiare il commercio di esseri umani in porti come la Libia.

Nel frattempo in acque libiche non ci sono Ong attive per poter soccorrere le persbone in difficoltà.

Fonte: corriere.it

 

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Sono passati 3 anni dall’attentato a Parigi. Il bilancio fu di 130 morti e 400 feriti

Sono già passati tre anni da quel 13 Novembre  in cui Parigi piombò in pochi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS