Parliamo di Carlo Giuliani, di piazza Alimonda e del 20 luglio 2001

È accaduto il 20 luglio 2001, a Genova, in piazza Alimonda negli gli scontri dei manifestanti no-global durante il G8.

Carlo Giuliani stava andando al mare quando, avendo sentito dei disordini in piazza, decide di annullare la sua gita e aggregarsi al corteo.

La situazione tra le strade della città si aggrava sempre di più, fin quando un veicolo Defender resta bloccato dietro alcuni cassonetti e le forze dell’ordine vengono prese d’assalto dai manifestanti. Tra questi c’è Carlo Giuliani con il passamontagna.

Il ragazzo raccoglie un estintore da terra, precedentemente usato da altri, per lanciarlo contro il veicolo ma, dall’interno dell’auto il carabiniere Mario Placanica, spara due colpi, di cui uno fatale per il ragazzo.

Inoltre, nel tentativo di sbloccare il Defender, il fuoristrada passa sul corpo del ragazzo per ben due volte.

Sì torna oggi a parlare della questione perché quella che sarebbe dovuta essere una targa in memoria di Carlo è stata imbrattata di inchiostro nero dai soliti ignoti.

Si torna a parlare oggi di un fatto che non vede una risoluzione veritiera, sporco di bugie. Parliamo oggi di una piazza in cui vive ancora l’intolleranza, la menzogna e la vigliaccheria.

Parliamo di Carlo oggi per fare in modo che questa pagina della storia non venga sepolta da una sfilza di voci e discussioni “sì, ma”, e perché la maggior parte degli italiani non conosce la verità su ciò che è accaduto davvero diciassette anni fa.

Fonte: wumingfoundation

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Ancora un caso di violenza sugli arbitri, stop ai campionati dilettanti nel Lazio

Si è verificato a Roma un altro episodio di violenza e aggressione sugli arbitri, l’ottavo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS