Sette anni fa il naufragio della Concordia. L’isola del Giglio si propone come modello di “ripartenza”

Sette anni dopo il naufragio della nave Costa Concordia – tra due giorni corre l’anniversario di uno dei più grandi disastri marittimi in epoche recenti – l’isola del Giglio si propone come modello di ‘ripartenza’ di un territorio colpito da una tragedia.

E’ il suggerimento del sindaco dell’isola, Sergio Ortelli, affinché, dice lui stesso, “poter trarre dalla nostra esperienza un insegnamento positivo, applicabile anche in altri contesti.E ovviamente senza con questo dimenticare i 32 morti del naufragio e le sofferenze inferte agli altri passeggeri, alla popolazione e all’ambiente“.

In particolare, il primo cittadino sottolinea la capacità “di riscatto del Paese”, “di risolvere una vicenda che non era certo semplice, con un danno di immagine globale che poi abbiamo recuperato grazie a tutti gli interventi attuati, dalla messa in sicurezza ambientale, al progetto di parbuckling, allo smantellamento della nave“. Ciò “grazie a un rapporto tra il pubblico e il privato che è stato un modello e andrebbe replicato“, spiega Ortelli. 

Domenica 13 gennaio sono attesi per le iniziative il capo dipartimento nazionale della Protezione civile Angelo Borrelli, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani. Vedranno un Giglio che è ripartito, che non dimentica ma che guarda avanti, con 13 cantieri pubblici avviati negli ultimi tempi.

Ricordiamo che il colpevole principale del naufragio, Francesco Schettino, che era al comando della nave da crociera e che da maggio del 2017 si trova rinchiuso nel carcere di Rebibbia, per scontare la condanna a sedici anni. Studia, fa sport all’interno dell’istituto di pena, ma non vuole parlare. «Voglio essere dimenticato», ha detto al suo avvocato, Saverio Senes.

Fonte: Ansa.it / LaNazione.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Il Pm chiede l’ergastolo per Igor il russo, dopo una requisitoria di un’ora e mezza

Al termine di una requisitoria di circa un’ora e mezza il pm Marco Forte ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS