Strage di elefanti in Botswana, violata l’ultima area protetta

Sono state trovate ben 87 carcasse di pachidermi in un’area protetta del Botswana, secondo gli animalisti si tratta della strage di elefanti più grave di sempre.

Elephant Without Borders sta conducendo le indagini per risalire alla violazione dell’area protetta, e all’identificazione dei bracconieri.

Gli animali sono stati uccisi per le loro zanne: il picco del bracconaggio coincide con il disarmo della unità anti-bracconaggio del Botswana e negli ultimi tre mesi sono stati ammazzati, per la stessa ragione anche cinque rinoceronti bianchi, altra specie in pericolo.

Il mercato clandestino delle zanne è ancora forte nei paesi asiatici, in Cina in particolare, anche se il commercio di avorio è vietato nuove rotte aprono la strada alla vendita dalla Cambogia e dal Vietnam.

Si pensava che nei confini del Botswana gli elefanti fossero al sicuro, nella Oasi del Delta di Okavango, gli esemplari attraggono turisti da tutto il mondo, ma anche l’ultimo rifugio è ormai stato violato.

“La situazioni richiede un intervento politico efficace e al più presto”, dichiara alla BBC il Dr Mike Chase da Elephants Without Borders. “Turismo, lavoro, reputazione internazionale e ovviamente, la salvaguardia degli elefanti richiedono un aiuto immediato”.

Fonte: Greenme

 

 

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Adescava minori su Internet. Arrestato un 35enne

Adescava minori in difficoltà o con fragilità emotive sui social e poi prometteva loro incontri con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS