A rischio estinzione 600 specie di animali. L’allarme di un ricercatore italiano

Dal pappagallo pigmeo dal petto rosso al cervo-topo della Thailandia, sono a rischio estinzione circa 600 specie animali in più rispetto a quelle già note. Ad aggiornare i numeri uno studio guidato da un ricercatore italiano, Luca Santini, e pubblicato su Conservation Biology: emerge che le stime delle specie in pericolo andrebbero «aggiornate urgentemente».

Gli attuali metodi utilizzati dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) usano informazioni come la dimensione della popolazione conosciuta e la distribuzione, per classificare gli animali minacciati in cinque categorie, da “minimo interesse” a “in pericolo critico“.

“Gli esperti però hanno oggi una quantità limitata di dati da applicare alle oltre 90.000 specie attualmente inserite nella Lista rossa“, ha spiegato Luca Santini. Inoltre “spesso questi dati sono obsoleti o inaccurati perché alcune specie che vivono in aree molto remote non sono state studiate adeguatamente. Ciò potrebbe portare a classificarle in modo errato“.

L’impatto della perdita di specie e delle estinzioni non va sottovalutato in termini biologici, ma neppure economici, e culturali. Animali come la tartaruga marina, l’elefante, il gorilla, e la tigre rappresentano un importante valore ecologico, simbolico e spesso spirituale, ma molte altre rappresentano per le popolazioni di tutto il mondo anche una fonte di reddito e di cibo.

Fonte: Ansa.it / LaStampa.it / WWF.it 

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureata magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Isola di Lesbo: affonda barcone provocando la morte 7 persone

Ennesima strage in mare. Un barcone carico di migranti è affondato questa mattina davanti alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS