Addio a Paul Allen, co-fondatore della Microsoft insieme a Bill Gates

Paul Allen, co-fondatore dell’azienda di Software più famosa del mondo (la Microsoft) è morto ieri all’età di 65 anni a causa delle complicazioni per un tumore ai linfonodi.

Ad Allen tempo fa era stato diagnosticato il Linfoma non Hodgkin. Un paio di settimane fa aveva dichiarato alla stampa di avere avuto una recidiva, affermando di essere fiducioso sull’esito dei nuovi trattamenti cui sarebbe stato sottoposto.

Insieme a Bill Gates, nel lontano 1975, fondò la Micro-Soft (in seguito Microsoft) ad Albuquerque, nel Nuovo Messico. L’azienda avrebbe avuto un impatto enorme nell’informatica e sulla diffusione dei computer nelle case di miliardi di persone.

Ha dato contributi a organizzazioni collegate ai servizi sanitari umani, e per promuovere il progresso della scienza e della tecnologia. La Paul G. Allen Family Foundation è stata fondata nel 1986 per amministrare la maggior parte delle sue donazioni. Circa il 60% del denaro va a Seattle e in tutto lo stato di Washington, il 12% a Portland (Oregon). Il restante 28% viene distribuito nelle altre città del nord-ovest del Pacifico.

Allen, a partire dal 2007, ha donato circa 900 milioni di dollari ed è stato il maggior sostenitore, con 14 milioni di dollari, dell’omonima fondazione “Paul G. Allen Center for Computer Science & Engineering“. Nel corso degli anni, Allen, ha contribuito con milioni di dollari all’University of Washington Medical School. Ha fondato inoltre l’Institute for Brain Science Allen nel 2003, società senza scopo di lucro, con Jo Allen Patton, sorella di Paul.

Fonte ilPost | Wikipedia

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Aghi nelle fragole al supermercato. Arrestata una donna

Da tempo si lamentava delle pessime condizioni in cui era costretta a lavorare, ma l’azienda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS