Argentina: il Senato vota no alla legalizzazione dell’aborto, corteo in piazza

Il Senato argentino ha respinto oggi con 38 voti contrari e 31 favorevoli un progetto di legge sulla interruzione volontaria della gravidanza.

In piazza un gruppo di militanti favorevoli alla legge hanno lanciato delle bottiglie verso i piccoli gruppi di manifestanti pro-life.

La polizia ha risposto con gas lacrimogeni ed almeno una persona è rimasta ferita.

Di fronte al.congresso di Buenos Saires ci sono stati alcuni festeggiamenti.

Dopo una discussione durata fino a tarda notte, il risultato è stato quello previsto dai media, cioè l’abrogazione della legge che prevedeva la legalizzazione dell’aborto nelle prime 14 settimane di gravidanza.

Oltre alle motivazioni religiose, in cui la chiesa chiede la difesa della vita sin dal concepimento, è stato preso in considerazione l’alto costo della approvazione della legge per le casse dello stato.

In attesa molti pañuelos verdi, i fazzoletti simbolo della lotta per l’#abortolegal, ma anche i fazzoletti celesti, quelli degli oppositori,  sono stati in piazza per l’esito del lunghissimo dibattito sotto gli ombrelli, lanciando slogan, ballando ed ascoltando musica di gruppi su palchi sistemati all’aperto.

Secondo i dati ufficiali, nel 2016 il Paese ha registrato 245 casi di mortalità materna. Di questi, 43 erano dovuti a aborti o aborti spontanei.

Fonte: ilFattoQuotidiano

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Aghi nelle fragole al supermercato. Arrestata una donna

Da tempo si lamentava delle pessime condizioni in cui era costretta a lavorare, ma l’azienda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS