Brexit, il piano della May bocciato dai leader europei

I principali leader dei paesi europei hanno respinto il cosiddetto “Chequers plan”, il piano della prima ministra britannica Theresa May  per attuare Brexit che le è già costato le dimissioni di due ministri e che è al centro di una delicata lotta interna nel suo partito.

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha detto che il piano «non funzionerà».

Ufficialmente l’uscita del Regno Unito è prevista per il 29 marzo 2019, ma l’accordo dovrebbe essere già stipulato a novembre. May sperava di portare a casa da Salisburgo una rassicurazione da parte dei suoi omologhi europei, in vista della conferenza del Partito Conservatore in programma il prossimo fine settimana. Questi sono i giorni decisivi per attuare una strategia, in grado di accontentare anche il partito.

Il principale problema, rimane quello legato al confine tra Repubblica di Irlanda e Irlanda del Nord, e alla sua regolamentazione dopo Brexit: bisognerà gestire persone e merci che attraversano il confine, che al momento non ha alcuna frontiera. Nelle comunità di confine vivono circa un milione di persone.

L’Europa teme che l’uscita del Regno Unito dal mercato unico e dall’unione doganale europea comporti che il confine tra Irlanda e Irlanda del Nord diventi un confine “duro”, con controlli e dazi. Per questo l’Unione Europea propone di stabilire l’Irlanda del Nord come statuto speciale, permettendo di mantenere i confini aperti.

May ha sempre rifiutato questa soluzione, e ha ripetuto più volte che non vuole isolare l’Irlanda del Nord dal resto del paese.

Il “Chequers plan” prevede che le merci e le persone continuino a circolare liberamente attraverso il confine irlandese, e che Unione e Regno Unito trovino un nuovo accordo per la circolazione che preveda l’assenza di controlli al confine per tutto il territorio britannico, in modo che non ci sia bisogno di regole speciali per l’Irlanda del Nord.

Fonte: ilPost

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Suore rubano 500.000 dollari per andare a giocare a Las Vegas

 Una barzelletta? Assolutamente no! Hanno sottratto mezzo milione di dollari dai fondi per la scuola, nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS