Brian May dedica una canzone alla sonda spaziale della Nasa

Quando si è uno dei leader di una delle band che hanno fatto la storia della musica e, nel contempo, si è anche astrofisici, possono nascere cose bellissime. Protagonista è Brian May, chitarrista dei Queen, che ha appena pubblicato un singolo a tema spaziale.

Il titolo? New Horizons, in onore della Sonda Nasa che ci ha permesso di raggiungere e osservare da vicino le spianate di Plutone e del suo satellite naturale Caronte, e che nella notte di Capodanno ha superato il suo traguardo più ambizioso: il flyby di Ultima Thule, l’oggetto celeste più distante mai esplorato, lontano ben 6,4 miliardi di chilometrida noi.

Questa missione – ha scritto sul suo profilo Instagram May- che è anche un astrofisico – è sulla curiosità umana, il bisogno dell’umanità di esplorare“. Come ha raccontato, a chiedergli di scrivere una canzone per la missione è stato Alan Stern, direttore del progetto.

All’inizio avevo qualche riserva, pensavo che sarebbe stato difficile, perchè non riuscivo a pensare cosa potesse fare rima con Ultima Thule – continua – Ma poi ho iniziato a sentire nella mia testa la musica di un oggetto che cade nello spazio più velocemente di qualsiasi altra cosa prima“.

Fonte: Ansa.it / wired.it

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Pennsylvania, incendio in un asilo: muoiono cinque bambini

Disastro in Pennsylvania dove, a causa di un incendio, cinque bambini hanno perso la vita. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
RSS