Catalogna, un anno dopo il Referendum

Nel giorno dell’anniversario del referendum indipendentista disconosciuto da Madrid, Cortei e blocchi stradali da parte dei separatisti catalani stanno segnando le strade della città. L’anniversario del voto non autorizzato che ha tuffato la Spagna nella peggior crisi politica da decenni.

A Girona, alcuni militanti hanno fatto irruzione nella sede locale della Generalitat, l’istituzione a capo della Catalogna riconosciuta da Madrid, con l’intenzione di strappare la bandiera spagnola.

Anche altre città della Catalogna, come Barcellona, stanno vivendo tensioni a causa di manifestazioni.

Il leader separatista catalano Carles Puigdemont, in esilio in Belgio, ha diffuso via social un appello al popolo catalano a restare unito e perseguire l’obiettivo: ” Non dobbiamo desistere dell’unico modo possibile per vivere in una piena democrazia: la Repubblica e il suo riconoscimento internazionale”.

Ecco come andò lo scorso anno: nel gennaio 2016 il separatista Carles Puigdemont diventò presidente della Catalogna e annunciò un referendum per l’autodeterminazione il 1 ottobre 2017. La Corte costituzionale vietò il voto e man mano che la data si avvicinava la polizia arrestò funzionari e sequestrò materiale per il voto. Intanto, i catalani manifestavano. Nel giorno del referendum le forze di sicurezza intervennero sequestrando le urne delle schede in almeno 100 seggi: le immagini delle violenze che avvennero fecero il giorno del mondo.

Fonte: Ansa 

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Il Cairo, disastroso incidente: macchina contromano si schianta e provoca esplosione. 19 morti

Drammatico incidente quello che si è verificato al Cairo. Una vettura infatti si è schiantata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS