Catalogna, un anno dopo il Referendum

Nel giorno dell’anniversario del referendum indipendentista disconosciuto da Madrid, Cortei e blocchi stradali da parte dei separatisti catalani stanno segnando le strade della città. L’anniversario del voto non autorizzato che ha tuffato la Spagna nella peggior crisi politica da decenni.

A Girona, alcuni militanti hanno fatto irruzione nella sede locale della Generalitat, l’istituzione a capo della Catalogna riconosciuta da Madrid, con l’intenzione di strappare la bandiera spagnola.

Anche altre città della Catalogna, come Barcellona, stanno vivendo tensioni a causa di manifestazioni.

Il leader separatista catalano Carles Puigdemont, in esilio in Belgio, ha diffuso via social un appello al popolo catalano a restare unito e perseguire l’obiettivo: ” Non dobbiamo desistere dell’unico modo possibile per vivere in una piena democrazia: la Repubblica e il suo riconoscimento internazionale”.

Ecco come andò lo scorso anno: nel gennaio 2016 il separatista Carles Puigdemont diventò presidente della Catalogna e annunciò un referendum per l’autodeterminazione il 1 ottobre 2017. La Corte costituzionale vietò il voto e man mano che la data si avvicinava la polizia arrestò funzionari e sequestrò materiale per il voto. Intanto, i catalani manifestavano. Nel giorno del referendum le forze di sicurezza intervennero sequestrando le urne delle schede in almeno 100 seggi: le immagini delle violenze che avvennero fecero il giorno del mondo.

Fonte: Ansa 

About Ilaria Marcoccia

Giovane scrittrice, futura editor, giornalista per passione e curiosità. Sempre a caccia di una storia che valga la pena di essere raccontata

Check Also

Aghi nelle fragole al supermercato. Arrestata una donna

Da tempo si lamentava delle pessime condizioni in cui era costretta a lavorare, ma l’azienda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS