Donald Trump avrebbe pagato una modella di Playboy. L’audio nelle mani dell’FBI

Donald Trump è nei guai. In un audio di circa due minuti, registrato due mesi prima delle elezioni, si può ascoltare l’attuale Presidente degli Stati Uniti mentre parla con un avvocato circa il pagamento di una modella di Playboy.

La registrazione, fatta in maniera segreta proprio dall’avvocato (Michael Cohen) è custodita ora dall’FBI. L’audio proverebbe che Trump avrebbe offerto dei soldi alla modella per comprare il suo silenzio su una presunta relazione con il futuro uomo più potente del mondo.

La notizia, diffusa dal New York Times, rischia così di essere una tegola più pesante delle altre per il presidente americano, che finora ha sempre negato di aver mai parlato di denaro per mettere a tacere le donne con cui avrebbe avuto degli “affari”.

Sono tante le modelle e soubrette che hanno dichiarato di avere avuto una storia con Donald Trump. Tra queste c’è proprio l’ex coniglietta di Playboy Karen McDougal, che afferma di aver frequentato per oltre un anno l’attuale Presidente USA, dal 2006 al 2007.

La modella offrì di raccontare tutto alla stampa (tramite il National Enquire) per 150 Mila Dollari. I nastri, però, rimasero in un cassetto fino ad oggi. A confermare l’esistenza della registrazione c’è l’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, che però sottolinea come il presidente non sapesse nulla e come quel pagamento di cui si discusse con Cohen non fu mai effettuato.

Fonte Ansa.it

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS