Finge di morire per non dare soldi alla moglie

Proprio come nella famosissima opera di Luigi Pirandello “Il fu Mattia Pascal“, Danny Gonzalez, un uomo dell’Honduras di 27 anni  ha recentemente tentato di fingere la propria morte nel tentativo di bloccare la richiesta incessante di soldi da parte della moglie.

L’uomo ha deciso di ingannare la consorte in questo modo:le ha mandato alcune foto di sé steso su un letto con batuffoli di cotone nelle narici e nella bocca e coperto da un lenzuolo bianco. Il messaggio che accompagnava le foto diceva alla moglie che Danny era morto per una combinazione di cancro e asma.

Gonzalez – che lavora negli Stati Uniti – ha spiegato ai giornalisti che da quando si sono sposati, due anni fa, sua moglie lo chiamava ogni settimana per lamentarsi del fatto che lui le aveva mandato secondo lei troppi pochi soldi e che doveva mandarle molto di più.

Ma “l’attore principiante” non si aspettava l’azione della moglie. La donna ha portato le foto del marito in una stazione televisiva locale in Honduras, che le ha poi mostrate in televisione. Mentre i suoi parenti hanno avuto la tragica notizia della sua “morte” ,altri hanno guardato meglio le foto e hanno iniziato ad avere qualche dubbio.

Le foto sono anche sono diventate virali sui social media e più persone hanno espresso il sospetto che Gonzalez avesse finto la sua morte, e così i media locali hanno deciso di indagare e non ci è voluto molto per scoprire che il 27enne era effettivamente vivo e vegeto.

Fonte Notizie del mondo .info

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS