Gli spoilerava il finale dei libri che leggeva. Scienziato accoltella il collega

Quando leggiamo un libro e questo ci prende particolarmente, lo divoriamo  tutto d’un fiato, ci immedesimiano in uno dei personaggi  e odiamo chi ci anticipa la fine del libro, tant’è che diamo in escandescenza  .

Lo stesso è successo nella remota base di King George Island, in Antartide. La stazione, creata dai sovietici nel 1968, è stata lo scenario di un tentato omicidio

Lo scienziato Oleg Beloguzov, 52 anni, anticipava in continuazione al suo collega Sergey Savitsky, di 55 anni, la fine dei gialli che stava leggendo .Dopo diverse liti, il 55enne si è arrabbiato e ha  preso un coltello e ha trafitto il petto del collega.  Beloguzov è stato trasportato nell’ospedale più vicino, in Cile, dove è ricoverato in terapia intensiva. I due convivevano da quattro anni nella stessa struttura.

Secondo le fonti investigative che stanno studiando il caso, lo spoiler sarebbe stata la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso ma dietro ci sarebbe l’uso di alcool e l’alienazione.

ll termine alienazione  viene utilizzato per indicare genericamente il disagio dell’uomo moderno nel mondo industriale, nella quale l’artificio che gli è proprio lo fa sentire lontano dalle proprie radici naturali.

I ricercatori non hanno molte attività su cui contare per trascorrere le ore: guardare due canali televisivi russi, fare ginnastica e leggere libri e manuali della biblioteca.

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS