Ha forti dolori addominali: le radiografie evidenziano la causa del malessere

Il paziente, arrivato al Centro medico di Tokyo con sintomi di fatica cronica e con l’addome teso e dolorante, è stato sottoposto a una radiografia che ha rilevato i corpi estranei.

Quasi 2mila monete, circa 8 chili di metallo nello stomaco e nell’intestino: ingerite in 30 anni da un giapponese di 51 anni affetto da sindrome di Pica.

La sindrome di Pica, secondo l’APA (American Psychiatric Association) e il DSM V (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dall’ingestione continuata nel tempo di sostanze non nutritive.  L’ingestione di sostanze non alimentari si deve protrarre per un periodo di almeno un mese.

Spesso sono in comorbilità con altri disturbi psichiatrici come la depressione e disturbi d’ansia. Nei disturbi alimentari sono frequenti le complicanze fisiche che comportano un rischio di morte 12 volte maggiore di quello riscontrabile in soggetti sani confrontabili per età.

L’uomo è stato immediatamente trasferito in un centro chirurgico specializzato. Nello stomaco i chirurghi hanno trovato un buco di 5 millimetri di diametro e asportato 1.894 monete.

Nonostante la grande quantità e il lungo periodo di permanenza nel corpo, non si è verificato avvelenamento da metalli. Dopo l’operazione il paziente è stato preso in cura da un centro psichiatrico

Fonte : Today.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Si risveglia dopo 12 anni di coma. Vicino a se trova la madre ormai settantacinquenne

È finito in coma a trentasei anni in seguito a un grave incidente automobilistico ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS