Il marito di Asia Bibi -assolta dal reato di blasfemia- dichiara : “Aiutateci a lasciare il Pakistan”

Drammatico appello all’Italia del marito di Asia Bibi, la donna cristiana, mamma di cinque figli, la cui assoluzione dalla condanna per blasfemia in Pakistan ha scatenato la rabbia degli islamisti locali.

Nella tradizione musulmana esiste uno stretto legame fra precetti religiosi e ordinamento della società, dello Stato e del potere, racchiusa nell’espressione “religione e mondo”. Gli islamisti, proprio come i “fondamentalisti” legati a altre tradizioni religiose, denunciano quella che considerano una laicizzazione della società e propongono di tornare ad una visione totalizzante dell’Islam, che tuttavia riflette soltanto una loro specifica lettura dell’Islam stesso.

Il marito di Asia Bibi all’Italia. “Chiedo al governo italiano e faccio un appello: aiutateci a far uscire dal Pakistan me e la mia famiglia perché siamo in pericolo “.

Ashiq Masih ha già chiesto asilo al Regno Unito, al Canada e agli Usa per motivi di sicurezza.

Ora Bibi rischia ancora a causa della decisione delle autorità di aprire a una revisione della sentenza della Corte Suprema, su pressione degli estremisti che hanno manifestato per chiedere l’esecuzione della donna.

Da parte sua il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, ha fatto sapere che “ci stiamo lavorando con altri Paesi occidentali, con discrezione per evitare problemi in loco alla famiglia che vuole avere un futuro. Posso assicurare che io, da ministro ma anche da leghista, ci tengo che donne e bambini a rischio della vita, possano avere un futuro

Fonte: Tgcom24.it  Ansa.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS