India: il ciclone Gaja uccide 10 persone

Il ciclone Gaja ha investito l’India, provocando la morte di almeno 10 persone e costringendo oltre 80mila residenti ad abbandonare le proprie case in via precauzionale.
Gaja ha colpito le zone costiere dello Stato del Tamil Nadu con forti piogge e venti con raffiche fino a 120 km/h, secondo quanto riportato nel bollettino del dipartimento meteorologico indiano.
Gli sfollati sono stati trasferiti in circa 470 centri di soccorso in 6 distretti.
Le vittime hanno perso la vita soprattutto a causa di crolli nelle abitazioni, ha spiegato un portavoce per l’Autorità di gestione dei disastri del Tamil Nadu.

l ciclone è una regione atmosferica temporanea caratterizzata da bassa pressione, che rende instabili le condizioni meteorologiche e causa generalmente perturbazioni e brutto tempo (pioggia, vento o temporali).

 cicloni possono essere di due tipi, a seconda della latitudine a cui si verificano: i cicloni tropicali generano solitamente perturbazioni atmosferiche di entità superiore e si formano nelle basse latitudini. Si tratta di sistemi tempestosi anche molto estesi, che danno vita a precipitazioni temporalesche e forti venti: si formano sull’oceano, a circa 10° di latitudine di distanza dall’equatore e si spostano gradualmente verso latitudini più alte fino ad esaurirsi gradualmente e dare vita, in alcuni casi, ai cicloni extra-tropicali.

Fonte: Ansa.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Strasburgo: spari nel mercatino di Natale. L’attentato sarebbe di matrice terrorista

Basta un istante per trasformare un sogno in un incubo. La capitale europea del Natale, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS