La crisi turca e le implicazioni internazionali

Il crollo della valuta Turca è una questione prima di tutto geopolitica in quanto i timori sono molti e vanno dalla relazione già scottante con il governo Usa e l’esposizione di molte banche europee verso Ankara e, quindi, i timori di un contagio per le banche estere.

La gestione della politica economica turca è un’altra problematica i tipo politico. Si teme infatti il controllo totale del Presidente Erdogan sui movimenti della valuta locale, un’ingerenza politica che crea scetticismo tra gli investitori internazionali, consapevoli che la banca turca non sia del tutto indipendente.

Per Ankara è la peggior settimana dal 2008, anno in cui il Paese fu investito da una crisi finanziaria.

Il presidente turco dal canto suo ha invitato i suoi cittadini a non farsi prendere dal panico per il crollo della Lira, denunciando ‘campagne’ contro il suo paese.

Le banche italiane sono esposte per quasi 15 miliardi di euro verso Ankara. E’ quanto si ricava dalle tabelle della BRI, la Banca dei Regolamenti Internazionali.

La situazione è quindi molto complessa e dimostra che anche se un paese ha la propria banca e stampa la propria moneta non è esente da crisi.

Fonte: skytg24

About Del Peschio Marco

Webmaster e Graphic Designer. Scrittore a tempo perso, moderatore di commenti e gestore pagine ufficiali social network per La242.tv

Check Also

Coppia lesbica aggredita e picchiata :” ci hanno ordinato di baciarci mentre loro stavano a guardare”

Due ragazze sono state pestate su un autobus di notte a Londra da un gruppo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS