Morto George Mendosa, marinaio che baciò una donna vestita da infermiera a Times Square

Il marinaio che bacia una donna vestita da infermiera a Times Square in una delle foto più iconiche del XX secolo è morto. George Mendonsa si è spento a 95 anni in seguito ad una caduta in un ospizio di Middletown, Rhode Island, dove viveva con la moglie di 70 anni.

Era il protagonista della foto scattata nella più famosa piazza del mondo il 14 agosto 1945, il V-J day, ossia il giorno della resa del Giappone e quindi della fine della seconda guerra mondiale. La gente si riversò nelle strade di New York per celebrare la notizia e Alfred Eisenstaedt catturò con la sua Leica l’immagine di un marinaio che baciava una infermiera vestita tutta di bianco, accompagnandola in un casqué.

La foto, pubblicata dal magazine Life, diventò una delle più celebri al mondo, il simbolo del giubilo degli americani per la fine della Seconda Guerra Mondiale.

Cosa si nasconde dietro il bacio? ai più romantici piace pensare che i due protagonisti della foto siano stati realmente compagni nella vita, ma la realtà è ben diversa. Il bacio più bello della storia della fotografia è frutto del caso.

Mendosa ( membro dei marines) , completamente ubriaco, festeggiava con i suoi amici la fine della guerra; così, preso dall’euforia del momento, strinse a sé una passante-Greta Zimmer Friedman (igienista dentale)- baciandola appassionatamente. In quel momento Eisenstaedt( fotografo) premette il pulsante di scatto della macchina fotografica, dando vita all’immagine simbolo dell’amore per eccellenza.

Fonte: cultstories.org  / Ansa.it 

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Il Cairo, disastroso incidente: macchina contromano si schianta e provoca esplosione. 19 morti

Drammatico incidente quello che si è verificato al Cairo. Una vettura infatti si è schiantata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS