Thailandia, va a fare un massaggio e muore dopo 10 minuti

L’incidente è avvenuto a Pattaya in Thailandia : la vittima – la cui identità non è stata rivelata – era lì con alcuni amici ad esplorare la città, riferisce “The Nation” . L’uomo si era recato al mercato galleggiante quando ha iniziato a lamentarsi del fatto che sentisse dolore alla gamba, così ha deciso di fare una pausa e si è diretto verso un centro massaggi per dare un po’ di sollievo all’arto dolorante.

Purtroppo, appena 10 minuti dopo l’inizio della terapia, ha smesso di respirare. Il persona ha cercato di rianimarlo, ma purtroppo non c’è stato nulla da far. Quando l’ambulanza è arrivata 30 minuti dopo, l’uomo era già morto.

Il fratello minore del defunto ha spiegato che la vittima ha subito una distorsione alla caviglia la scorsa settimana mentre giocava a calcio con i suoi amici. Infortunio per il quale aveva già visto un medico prima del viaggio a Pattaya.

L’uomo sarebbe morto per un’embolia polmonare causata dall’ostruzione di una o più arterie.

Un massaggio è quanto di più desiderabile si possa immaginare. Ma attenzione a chi ci “mette le mani addosso” . Per esempio un movimento sbagliato sul seno carotideo, può provocare alterazioni del ritmo cardiaco. Anche la manipolazione cervicale può portare complicazioni gravi, ma spesso negli anziani non in soggetti giovani.

Il massaggio è un’arte praticata da professionisti,veri!

Fonte: Messaggero.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS