Troppo timidi per comprare i preservativi e “usano” un sacchetto di plastica. Coppia di ragazzi in ospedale

Un ragazzo ed una ragazza vietnamiti hanno dovuto ricorrere , in modo molto imbarazzante, alle cure del pronto soccorso, dopo essere rimasti feriti facendo sesso. Come? I due avevano tentato di usare un sacchetto di plastica al posto del preservativo.

I due giovani sono stati costretti a rivolgersi all’ospedale, dove sono stati curati entrambi per lesioni ai genitali e sottoposti a terapia antibiotica per prevenire il rischio di infezioni.

Ironia della sorte, i due avevano deciso di usare il sacchetto di plastica perché “troppo timidi per andare a comprare dei preservativi”: la scelta di non usarli però li ha portati ad un molto più imbarazzante ricovero in ospedale, senza contare il fatto che la loro storia sta avendo notorietà internazionale.

I medici , ovviamente,  hanno messo in guardia dal prendere esempio dai due giovani, usando metodi “artigianali” al posto del normale preservativo: oltre alla certezza di graffi e ferite, la protezione che un sacchetto offre è molto ridotta.

Il fatto porta in evidenza il tema dell’Educazione sessuale evidenziando che non basta solo l’attivazione di un insegnamento o delle politiche di prevenzione- che ci mettono in guardia dalle malattie sessualmente trasmissibili- : si tratta anche di renderlo fruibile ai ragazzi affinché risponda ai loro reali bisogni, dubbi e curiosità; deve essere svolto in modo da comunicare con i giovani, in modo che risponda alle loro domande non solo da un punto di vista medico anatomico, ma anche intimo e personale.

Fonte: IlGiornale.it

About Veronica Pozzi

Laurea Triennale in Servizio Sociale presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Laureanda magistrale in Management delle Politiche Sociali e dei Servizi Sociali presso l'Università degli Studi Roma 3.

Check Also

Genitori chiamano il figlio Adolf Hitler: Condannati

La Birmingham Crown Court, nella regione inglese delle Midlands, ha condannato 3 militanti britannici di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS