Uccise 93 donne dal 1970 al 2005. Il serial killer disegna le sue vittime

L’Fbi ha diffuso alcuni identikit di donne assassinate nell’arco di tempo che va dal 1970 al 2005, con la speranza che qualcuno possa dare loro un’identità. La peculiarità è che a realizzare i ritratti è stato il serial killer che le ha uccise: si tratta di Samuel Little che, mentre scontava tre ergastoli per omicidio, ha confessato di aver ucciso 93 persone nell’arco di 35 anni.

I suoi soggetti preferiti erano donne emarginate e vulnerabili, spesso coinvolte nella prostituzione e tossicodipendenti. Oggi ha 78 anni, ha problemi di salute e si trova in una prigione del Texas.

Il serial killer ha deciso di riprodurre su carta i volti delle sue vittime non per un desiderio di redenzione. “Quando parli con lui ti accorgi che si eccita al ricordo“, spiega il detective Bernie Nelson, come riporta Il Messaggero. Little, infatti, uccideva per piacere sessuale.

Fonte: Tgcom24.it 

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Taiwan, crolla un ponte: feriti e dispersi

Disastro a Taiwan, dove si è verificato un tremendo crollo di un ponte vicino al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
RSS