Istat: a causa dell’inflazione ci saranno rincari del 2,1% per i beni alimentari

L’inflazione acquisita per il 2019 è +0,3%. “La lieve accelerazione dell’inflazione a febbraio”, spiega l’Istat è imputabile prevalentemente ai prezzi dei beni alimentari sia lavorati (che passano da una variazione nulla a +1,2% su anno) sia non lavorati (da +1,7% a +3,7%) e in misura minore ai prezzi dei beni energetici non regolamentati come i carburanti (da +0,3% a +0,8%) e dei tabacchi (da +2,9% a +4,5%).

I rincari dei prezzi del carrello della spesa triplicano a febbraio, con aumenti che passano dallo 0,6% di gennaio al 2,1%. Lo comunica l’Istat secondo cui a pesare sono soprattutto i vegetali freschi, che costano il 18,5% in più rispetto allo scorso anno e spingono il tasso di inflazione, che risale nel mese di febbraio con un aumento dell’1,1% rispetto al 2018.

Fonte: Tgcom24.it

About Veronica Pozzi

Collaboratrice La242

Check Also

Istat: un recupero del reddito grazie alla frenata dell’inflazione

Nei primi tre mesi del 2019 il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto rispetto al trimestre precedente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
RSS