La moda di seconda mano, ora “di moda”

Molte le ragioni e i pensieri che hanno fatto sì che arrivasse il boom del mercato della moda di “seconda mano” con prezzi più bassi rispetto al capo di magazzino ed appeal vintage. E’ un mercato che rispetto ai retail classico cresce 24 volte di più ma che al momento è difficile quantificare a livello globale. Un esempio sono gli Stati Uniti, le vendite di capi usati venduti l’anno scorso, sono arrivati a 20 miliardi di dollari e secondo la piattaforma dovrebbero arrivar fino a 41 miliardi.

In Italia invece non si definiscono numeri specifici al mercato, ma il report dell’anno scorso, sulla piattaforma di Subito.it ci aiuta a vedere più nitidamente il mercato nazionale dell’usato. Nel 2017 per esempio, si è visto che un italiano su 2 ha preferito acquistare un prodotto di seconda mano, l’abbigliamento è la chiave che aumenta il volume d’affari di 6,2 miliardi di euro di cui 2,6 miliardi online, e sono al secondo posto delle cosa più comprate sia online che in negozio.

La scelta che porta i clienti a comprare un capo di seconda mano piuttosto che l’originale è una questione psicologica, ormai non è più una cosa che fanno quelli che non si potevano permettere capi costosi, ma è diventata una scelta di stile, come confermano i numeri. Il “Resale report 2018” di Threadup dimostra e conferma il ribaltamento psicologico, cioè adesso chi compra abiti di seconda mano rientra nella fascia più ricca dei consumatori.

Due fattori hanno fatto sì che aumentasse l’appeal dell’acquisto: l’arrivo delle piattaforme di vendita online e nelle boutique fisiche, curate nel design e nella selezione dei prodotti e allontanarsi dal riempire il cestino di capi tutti spiegazzati. La “seconda mano” va molto online grazie ad app e piattaforme da tutto il mondo. Una delle piattaforme che ha avuto molta fortuna è Depop, un social network aperto nel 2011 da Simon Beckerman dentro a H-Farmceh conta 8 milioni di utenti mentre nel 2017 ha registrato un complessivo di 230 milioni di dollari. Anche grazie alle grandi star che vendono i propri capi online come la modella Bianca Balti e la Fashion Blogger Chiara Ferragni.

Fonte: Il sole 24 ore

About Sara Benvenuti

Giovane cameraman e assistente alla regia

Check Also

Il tubino oro per le feste di Afef Jnifen sostituisce il tubino nero per il quotidiano

Le feste sono in arrivo e il nostro cervello, specialmente quello delle donne sta già …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Twitter
Instagram
Google+
RSS